Archivi tag: guerra

UNA PROPOSTA MOLESTA / LA GUERRA È CHISTA COSA A CCA

“Fratello, se vuoi spara pure col tuo obice,
ma prima di uccidermi ti chiedo di fare una cosa per me,
non di risparmiarmi la vita, non di portare un messaggio a mia madre,
ti chiedo di chiudere gli occhi e immaginare un’altra vita,
un’altra vita in cui avremmo portato gli stessi abiti civili,
un’altra vita in cui avremmo dormito nello stesso ostello,
un’altra vita in cui forse saremmo stati amici.
Ora se vuoi apri gli occhi e spara…
spara…
spara cu cazz’…
t’avimm fatt u cannon cu tutt e bott…
mo vai a chiagne da chill’atro strunz com’a te ncoppa allo bunkèr,
ma vai a piedi pecchè t’avimm fottut pure e rot do carr,
STRUNZ!”

UNA PROPOSTA MOLESTA / IL MONDIALE DELLE GUERRE MONDIALI

In attesa che Putin venga giudicato dal tribunale dell’Aja, o dal suo popolo, devo dire che è bello sentirsi tutti uniti nel volere la pace. Dovremmo rifarlo, penso proprio che per garantire la Pace dovremmo fare le guerre più spesso.

Si potrebbe fare così: tutti gli Stati mettono una quota proporzionale al Pil per costruire la più letale delle armi di distruzione di massa. Poi si fa un’estrazione per determinare quale Nazione potrà averla per una settimana ed eventualmente usarla, e tutti gli altri gli dichiarano guerra.

Il mondiale delle guerre mondiali. Il claim si scrive da solo: “non perdetevelo, potrebbe essere l’ultimo”.

Ora mettetevi nei panni del presidente che ne so… di San Marino, uno che quando va all’Onu o al Consiglio d’Europa ogni volta gli chiedono chi è e cosa faccia nella vita, e lui risponde “il presidente della Repubblica di San Marino”, e quelli ribadiscono “Sì, ma di lavoro vero che fai?”, e lui ripete “il presidente della Repubblica di San Marino”, allora tutti gli altri gli scoppiano a ridere in faccia, gli danno gli scappellotti sulla testa, gli cantano in coro “sceeeeeemo sceeeeeemo…”. Perfino il Liechtenstein lo prende per culo.

Ecco, pensate a quest’uomo (o a questa donna) che ha tra le mani l’arma più letale, che ha la possibilità di far vincere alla suo Stato- barzelletta, la più grande e prestigiosa delle sfide di tutti i tempi: il mondiale delle guerre mondiali. Esaltato da questi pensieri sta per premere il pulsante del congegno che polverizzerà tutti gli sfidanti, ma poi una domanda lo gela: sì va be’ ma poi con chi ci vantiamo di aver vinto? Passano i minuti, le ore e i giorni, finché il comitato del mondiale gli toglie di mano il detonatore perché il tempo è finito. Lui rimane attonito, confuso, logorato dal conflitto internazionale ma soprattutto personale. Il capo del comitato gli mette una mano sulla spalla e gli dice “complimenti, hai perso e quindi hai vinto, come tutti noi”. Allora il presidente di San Marino si illumina, gonfia il petto e proprio mentre sta per dire “grazie” gli altri gli intonano in coro “sceeeeeemo sceeeeeemo…”. Pure il Liechtenstein.

Tuttavia ho paura che dopo due o tre edizioni ci romperemmo le scatole, la competizione verrebbe a noia, non avrebbe più mordente. Niente più manifestazioni per la Pace in tutte le città, gli hastag sulla guerra scomparirebbero dalle classifiche, le star di Instagram tornerebbero a farsi i selfie in piscina. Quindi propongo delle modifiche che rendano il tutto più avvincente: la cadenza deve diventare irregolare, a sorpresa, prima dell’attacco si fa saltare il tavolo delle trattative messo su poco prima, gli Stati si devono imporre sanzioni tra di loro e… aspetta… ma è esattamente quello che succede ora… ma vuoi vedere che stanno già giocando e non ci hanno detto niente? Ditelo in giro! Dite ai morti che possono uscire dalle fosse, che è tutto uno scherzo, dite ai mutilati che possono rimettersi gli arti, che è tutto un gioco, dite alle case, agli ospedali e alle scuole che possono ritornare su, che è tutta una messa in scena. Ditelo a tutti, se avete ancora la fortuna di essere vivi.

E ditelo pure, se vi va, al Liechtenstein.

Culo Nudo

Con questo post voglio invitarvi a guardare questo reportage della rivista Vice, sulla Liberia, Stato africano che ricorda un passato recente che definire drammatico sarebbe un eufemismo. In questo viaggio Shane Smith incontra vari testimoni e protagonisti della guerra civile in Liberia, e tra questi ve ne è uno che all’epoca veniva chiamato Butt Naked, ovvero culo nudo, non fatevi intenerire dal nomignolo, Butt Naked ha fatto cose che solo compendiando i vostri incubi peggiori potreste immaginare, come aprire la pancia a un bambino ancora vivo e berne prima il sangue e poi mangiarne la carne. Fatto un’idea? bene, guardate ora Butt Naked, guardatelo nel reportage, guardatelo sorridere, guardatelo parlare orgoglioso della missione che sta costruendo, guardatelo raccontare commosso di come ha recuperato diversi ex bambini soldato, guardatelo vestito da pastore a portare la buona novella cantando e ballando, ma guardatelo soprattutto quando ammette il suo passato, quando ammette di aver commesso crimini indicibili e di attendere sereno la sua punizione. Noi siamo le stesse persone di venti, trentanni fa? Siamo responsabili di quello che un’altra persona con il nostro stesso nome ha fatto in passato? un uomo che ha perso la memoria può essere considerato colpevole di un reato che non ricorda? è un tema che mi ha sempre interessato, un dilemma a cui non so dare una risposta e che costituisce la sottotraccia di un romanzo breve che ho pubblicato a puntate su questo blog  un paio di anni fa (qui, per andare avanti cliccare “continua” alla fine di ogni capitolo). Con questo non voglio dire che Joshua Blahyi, altrimenti noto come Butt Naked, non debba essere processato dal tribunale dell’Aia per i crimini di guerra (l’eventualità è tuttora in discussione), un processo va sempre celebrato, anche quando i protagonisti non ci sono più, perché un processo non serve solo a decretare pene, ma anche a restituire a una comunità ciò che la rende libera, ovvero la verità (Veritas Vos Liberat, Giovanni 8:32, passo che lo stesso Butt Naked cita in una sua predica). E non voglio neanche sostenere che Butt Naked sia davvero pentito, che non sia capace di fare in futuro ciò che ha già fatto in passato. Lo stesso Shane Smith si chiedeva se il demone fosse semplicemente in letargo, in attesa di tempi migliori per svegliarsi, come il ritiro dalla Liberia delle truppe dell’Onu, così Vice è tornata a intervistare Butt Naked a due anni dal ritiro Onu (e tre dal reportage), ma nessun colpo di scena; continua a fare il predicatore, anche se alcuni sostengono sarebbe dietro a un nascente gruppo pronto a sovvertire con le armi il governo.

Redacted

Le guerre riempiono i libri di Storia. Ma c’è qualcosa che la cronologia delle battaglie, le cronache militari, i resoconti politici, non restituiscono; quello è il compito della narrazione. Ogni guerra genera una produzione letteraria, e quindi cinematografica. Eppure le espressioni “storia di guerra” e “film di guerra” non evocano le stesse immagini: un storia di guerra può essere una racconto di miseria, di borsa nera, di radiogiornali, di rifugi antibombardamento, di giovani che si ostinano a innamorarsi nonostante il presente nero, mentre il film di guerra è sempre militare, o almeno è quello che ci si attende dall’etichetta. In passato, il film militare, è stato il film di genere per eccellenza, puro intrattenimento, e specie per Hollywood è stato il pulpito perfetto per impartire quel mito patriottistico tanto caro ai repubblicani. Poi qualcosa è cambiato, innanzitutto fuori dalla sala cinematografica; c’è stata la guerra in Vietnam, la contestazione, la rivoluzione culturale, e anche il film militare si è ribellato, con i Viet-Movies nasce un filone di film di guerra “contro natura”, la battaglia diventa non più il luogo dell’eroismo, ma della miseria umana, lo sprezzo del pericolo lascia il posto all’orrore della violenza, l’amor di patria all’incubo della morte. Uno dei protagonisti di quella stagione, Brian de Palma (“Ciao America!” 1968, e poi sempre sul Vietnam “Vittime di Guerra”, 1989), è tornato in divisa tre anni fa per “Redacted”, ambientato nel Vietnam moderno, ovvero l’Iraq, con riferimenti al vicino Afganistan. Il pretesto narrativo all’inizio del film, appare a chi vi scrive -scusate il gioco di parole- un po’ troppo pretestuoso: il soldato Salazar decide di filmare la sua vita e quella dei commilitoni, per poter accedere, a missione finita, alla scuola di cinema. Ma non è quello di Salazar l’unico “meta-obbiettivo”, alcune sequenze sono, nella finzione del film, catturate dalle telecamere di sicurezza della base militare, altre scene sono spezzoni di telegiornale della fantomatica Atv, e ancora ci sono videochat e un sito simile a Youtube. Le transizioni* sono pacchiane e spixelate, per richiamare i montaggi amatoriali. Non è una scelta casuale questa di De Palma, ma non tutto il film è sottoposto a tale artificio; nella prima parte c’è una lunga sequenza in cui vengono mostrate le regole di ingaggio di un posto di blocco americano. Dopo aver tratteggiato la noia del deserto iracheno, e dopo aver annusato l’odore della paura, la sceneggiatura di De Palma si concentra su una tragedia, un delitto ispirato a un fatto realmente accaduto: “Ho letto un episodio della guerra in Iraq in cui i membri di un plotone dell’esercito USA erano stati accusati di aver stuprato una ragazza di 14 anni e di aver massacrato la sua famiglia, sparando in faccia alla vittima e dando fuoco al suo corpo. Com’era possibile che questi ragazzi si fossero spinti tanto in là? Cercando le risposte a questa domanda, ho letto blog di soldati e libri. Ho guardato i video di guerra artigianali realizzati dai militari, ho navigato nei loro siti e ho esaminato i loro post su YouTube. Era tutto a disposizione e tutto su video“.
In questa dichiarazione dell’autore si ritrova la genesi di quella particolare regia a cui sopra si è accennato, e che è valsa a De Palma il riconoscimento alla 64a Mostra di Venezia. “Redacted” è un film di raro coraggio creativo e la cui importanza artistica e storica sarà chiara solo alle future generazioni, quelle che apprenderanno il conflitto iracheno come la mia generazione ha appreso la guerra in Vietnam, ovvero attraverso la settima arte.

* Per i non avvezzi allo slang da filmaker: con “transizione” si indica l’effetto che può accompagnare lo stacco da un’inquadratura all’altra, spesso viene posta alla fine di una scena per suggerirne la chiusura e l’indipendenza rispetto alla scena successiva. La transizione più comune è la dissolvenza in nero.