Archivi tag: ladro

La toponomastica spiegata a un bambino di otto anni

Il bambino percorreva quella strada quasi ogni giorno, era la strada che da scuola lo portava a casa; non ci mise molto a individuare la novità.
-Signore Signore…
Disse il bambino, richiamando l’attenzione di un uomo vestito come il suo papà: giacca, cravatta e scarpe marroni.
-Chi era quello?
E il bambino, che era un bambino intelligente e curioso, indicò una targa, e sulla targa c’era scritto “Via Bettino Craxi”.
-Era un ladro.
Disse l’uomo in giacca e cravatta.
-E perché gli hanno dato una strada?
Chiese il bambino.
-Perché era il più bravo di tutti.
Rispose l’uomo.
-Perché rubava ai ricchi per dare ai poveri?
-Non proprio…
Il bambino non capì, ma fece finta del contrario. Poi quasi cadde per uno schiaffo in piena faccia.
-Ora dammi gli spicci che hai in tasca.
Il bambino, piangendo, e già col moccio che gocciolava dal naso come da un rubinetto rotto, disse che aveva solo due caramelle e una gomma da masticare, e l’uomo in giacca e cravatta rispose che andavano bene lo stesso.
Da quel giorno il bambino capì che un criminale è un criminale anche se porta la giacca e la cravatta. O se gli dedicano una via.

Il ladro da discount

Qual è il trucco per fare una spesa intelligente?
Dove vanno a finire i colpi sparati in aria dalla polizia?
Qual è il prezzo di un uomo quando aumenta il costo della vita?
Io rubo nei supermarket. Ogni dieci euro che pago in cassa, ne soffio cento dagli scaffali. Ma questo lo sai già. Sono un ladro onesto io, ho un’etica, e non rubo mai i liquori, perché va bene rubare per mangiare, ma i vizi uno se li deve pagare. E anche questo lo sai già. Quello che non sai, Ana Paula, è che oggi una guardia giurata mi ha beccato. Mi ha visto mentre mi infilavo un salame Galbani nel cappotto, nel tascone interno che mi hai cucito tu, meu amor. Anzi mi sa che non mi ha visto, cioè, forse mi ha visto mettere nello zaino le vaschette di speck, quello già affettato, oppure il gorgonzola invernizzi, ma non il salame, perché quando mi ha urlato contro, io ho messo la mano sotto il cappotto, per mettere a posto il salame, e quello ha sparato. Non saprò mai dove vanno a finire i colpi sparati in aria dalla polizia. Però me ne vado sapendo che quelli sparati su un tubo di metallo del soffitto, possono rimbalzare, e finirti nella pancia, porca puttana. Ma io dico, se ho una pistola, faccio una rapina no? Vado direttamente in cassa, coglione! Mi farebbe pure tenerezza, vaffanculo, non avrà più di ventanni, quando mi ha urlato gli tremava la voce, era bianco, sudato, se non fosse che nella pancia ho una fontana di sangue, e ce l’ho pure nelle mutande, almeno penso sia sangue, magari mi farebbe pure tenerezza.
Generalmente quando mi bevono mi umiliano, mi trattano come una merda, una volta mi hanno pure menato. Questa volta, però, mi accarezzano la testa, mi sussurrano che va tutto bene. Forse la vita, anche solo di un ladro da discount, vale ancora qualcosa, nonostante la crisi. Mi dispiace niña, forse non sono stato un buon compagno, ma ti giuro che ho fatto il possibile, ti avrei voluto insegnare tutto quello che ho imparato nella vita, anche se è poco, ti avrei svelato un piccolo grande segreto, che conservavo per un momento speciale, ma dato che speciale o no, questo è il mio ultimo momento, te lo svelo ora, ricorda queste parole: i liquori migliori come rapporto qualità prezzo, sono sempre quelli nello scaffale in basso.