Archivi tag: trapezio

Io sono scaleno

La mia vita è un trapezio. Chi nasce tondo non può morire quadrato, si dice dalle mie parte. A me, che non sono tondo, e non sono quadrato, mi disprezzano sia i tondi che i quadrati. Io sono scaleno. Con tutti i lati diversi. E nemmeno un angolo retto.

Lavoro per una società di recupero crediti. Mi dispiace, dico io. Ma quelli non ci credeno, quelli a cui chiedo i soldi. Ma a me dispiace davvero, e il boss lo sa. Per questo mi disprezza. Il mio lavoro è una linea spezzata.

Ho una relazione da due anni. La mia ragazza ne ha due, di relazioni. Io so dell’altro e lei mi disprezza. Perché non la lascio. E intanto resta con me. E per questo mi disprezza pure l’altro. La mia relazione è un triangolo. Scaleno ovviamente.

Il mio cane è Rombo. Non di forma, di nome. Era di mio zio, che era meccanico. A volte lo sento guaire di gioia, dietro alla porta, poi apro e mi guarda deluso. Forse aspetta ancora mio zio. O forse mi disprezza pure lui.

La mattina mi guardo allo specchio e non mi disprezzo. Ma non perché ci creda davvero, ma così, per fare un dispetto al mondo. Chi disprezza compra si dice dalle mie parti. Ma non credo neanche a quello. Io non credo in niente. Non credo alla gente, alle relazioni, al lavoro, ai soldi, all’ideologia, alla religione. Io credo solo all’iperbole. Io credo solo alla curva che si avvicina sempre di più al suo asse senza incontrarlo mai. Un concetto che la mente fatica a concepire. Io credo in quello. Il mio Dio è un’iperbole.